Siria e Iran non useranno il dollaro nelle nuove transazioni bilaterali

Lunedì l'Iran ha siglato vari accordi economici e commerciali con la Siria, mentre Damasco sta cercando altri alleati per contribuire allo sforzo di ricostruzione dopo la sua guerra durata otto anni.

 

Iran e Siria hanno concordato misure che consentiranno transazioni bancarie nelle loro valute locali e in valute estere non in dollari, poiché i due paesi hanno deciso di approfondire le relazioni commerciali e di investimento. Damasco e Teheran hanno firmato 11 accordi, tra cui un "accordo strategico di cooperazione economica a lungo termine", che si estende all'industria, al commercio e all'agricoltura, lunedì.

 

Secondo il vicepresidente iraniano Eshaq Jahangiri, che è attualmente in Siria con una delegazione di funzionari del commercio, le operazioni includevano "accordi molto importanti sulla cooperazione bancaria".

Rivolgendosi a un forum economico iraniano-siriano a Damasco, Jahangiri ha dichiarato che "i ministri hanno confermato che le transazioni bancarie si svolgeranno molto presto tra i paesi". Il presidente delle camere di commercio siriane Mohamad Hamsho, da parte sua, ha sottolineato che gli accordi erano stati conclusi per "superare gli ostacoli relativi all'attività bancaria" tra Damasco e Teheran.

 

 

Jahangiri ha osservato che l'Iran potrebbe anche aiutare a riparare le centrali elettriche in tutta la Repubblica Araba e creare un nuovo stabilimento nella provincia costiera di Latakia. Inoltre, sono stati firmati due protocolli d'intesa (MOU) tra le autorità ferroviarie dei due paesi, nonché tra le loro autorità di promozione degli investimenti.

 

Durante la crisi in corso in Siria, l'Iran ha inviato consiglieri militari nel paese per aiutare a combattere i terroristi su richiesta ufficiale di Damasco. Lo scorso giugno il presidente siriano Bashar al-Assad ha dichiarato all'Al-Alam News Network che l'Iran non aveva basi militari in Siria, ma se si dovesse verificare tale necessità, "non esiteremo".